Archivi della categoria: vangelo domenicale

Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Che cosa leggeva quella ragazza?

(Gn 3,9-15.20; Sal 97; Ef 1,3-6.11-12; Lc 1,26-38)   Alcuni pittori nel dipingere l’Annunciazione hanno ritratto Maria mentre sta leggendo un libro. L’annotazione “meditava tutte queste cose nel suo cuore” è un’espressione che va oltre la meditazione delle parole dell’angelo, poiché comprende la contemplazione di tutta la Storia Sacra. Con quell’annuncio Maria avrà ripensato alla promessa fatta ad Abramo, si sarà ricordata del testo di Isaia sull’Emmanuele “La vergine … Continua a leggere Che cosa leggeva quella ragazza? »

II domenica di Avvento (Anno A)

Il sogno e il futuro che ci chiama

“Il Regno dei cie­li è vicino, convertitevi”: così annuncia Giovanni il Battista.

(Is 11,1-10; Sal 71; Rm 15,4-9; Mt 3,1-12)   “Il Regno dei cie­li è vicino, convertitevi”: così annuncia Giovanni il Battista. Dio è vicino. Anche se, per ora, solo il profeta vede i passi divini. Ma «non è la Rivelazione che s’attarda / sono i nostri oc­chi non ancora pronti» (E. Dickinson). Dio è vicino. E il suo Regno sembra una rete che raccoglie insieme, … Continua a leggere Il sogno e il futuro che ci chiama »

I domenica del tempo di Avvento (anno A)

Anche un tempo non si accorsero di nulla

Il Signore viene come un ladro: metafora spiazzante

Non è raro sentire l’espressione che “una volta era meglio, c’era più fede, ci si voleva più bene” e che, quindi, ora andiamo sempre peggio. Sarà. Nel vangelo, però, Gesù ci dice che anche i nostri padri “non si accorsero di nulla” (Mt 24, 39). Non facevano nulla di male, mangiavano e bevevano, si sposavano. Insomma, vivevano. Vivere, però, è anche altro: è non essere … Continua a leggere Anche un tempo non si accorsero di nulla »